“Martinsicuro prima spiaggia d’Abruzzo”

Ecco il trailer del Martinbook Festival, dal 30 luglio al 3 agosto sul lungomare di Martinsicuro.

Guardalo con attenzione. Noti niente di familiare?
È proprio il nostro “Dove comincia l’Abruzzo”, di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri, il libro che legge la sirena.

“QUI FINISCE L’ABRUZZO

Risaliamo lentamente la statale 16: Villa Rosa e poi Martinsicuro.
Anche a lui quasi per scherzo facciamo la domanda di rito: «Ma secondo te, dove comincia l’Abruzzo?». Walter si rivela uomo di spirito ed esordisce con una roba filosofica: «Io non so dove comincia l’Abruzzo, ma se volete vi porto dove finisce!». Cavolo, ma questo è più matto di noi. Ebbene sì, mio Capitan Harlock, manovra la tua astronave e portaci ai confini dell’Abruzzo. […]

Lo striscione all’ingresso del paese, MARTINSICURO PRIMA SPIAGGIA D’ABRUZZO, sembra sancire che la fine è anche l’inizio. Martinsicuro, che non ha nemmeno la stazione ferroviaria, ma è il luogo in cui sorgeva l’antichissima Truentum. La maestra delle scuole elementari ci raccontava che fosse la patria del bandito Martino, che, dopo aver rubato nello Stato pontificio, appena varcato di corsa l’amato Tronto derideva le guardie papaline all’inseguimento con un sonoro: “Non mi pigliate più, Martino è al sicuro!”.
Almeno così spiegava il nome, alimentando la fama di luogo selvaggio, infestato da briganti. Hic sunt leones, questo mondo delimitava il fiume Tronto. In realtà l’etimo deriverebbe dal nome del nobile spagnolo Martin de Segura che costruì la torre a protezione delle incursioni saracene”.

(tratto dal libro “Dove comincia l’Abruzzo”)

© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com