14/12/2018

Abruzzo, a piedi (o con Fante)

vanityfair.it - Rossana Campisi

L’idea del viaggio senz’auto, lanciata in “Dove comincia l’Abruzzo” di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri, è supportata da dritte per muoversi con autobus di linea, corriere e treni regionali. I due autori sono due viaggiatori lenti, esplorano ogni angolo del territorio abruzzese (da Magliano de Marsi a Sulmona, da Pescara all’Aquila ancora ferita dal terremoto del 2009) e si perdono tra la gente chiacchierando con autisti, ferrovieri, abitanti e i ristoratori del posto (c’è un elenco di localini a fine libro, oltre agli scatti di Mario Dondero). I proventi del libro andranno all’Aquila per la ricostruzione. Nell’attesa di spulciare il libro segnate questo appuntamento: il festival letterario “Il Dio di mio padre” dedicato a John Fante, a Torricella Peligna, dal 22 al 24 agosto. Tranquillità d’autore.

 

Recensione a

Dove comincia l’Abruzzo

di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri

220
14,90 12,66


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com