16/04/2016

Adelmo Farandola sepolto nella neve

Ma però - Samuela Serri

«[…]contrariamente a quanto si potrebbe pensare (inverno, assenza di vita, gelo micidiale), questo non è un romanzo di silenzio. Di neve e ghiaccio certo, ma non di silenzio. La natura è intensamente sonora, assai viva, e la sentiamo camminare d’intorno: “I passi cigolano con pena, sulla neve giovane, e ogni passo sembra un singhiozzo di pianto. Ogni fiocco percuote le finestre e le superfici con un rumoretto nervoso, come una voltata di pagina di un libro troppo lungo. E quando la temperatura si fa meno rigida, ecco che i blocchi di ghiaccio urlano fino a spaccarsi, sono colti da raffiche di tosse, indulgono a fragori di tuono o di scoreggia.Sono i rumori familiari dell’eterno inverno per Adelmo Farandola sepolto nella neve”.

Neve, cane, piede è allora una storia di cose minime ma che si espandono all’interno, oscure ma folgoranti: come la danza luminosa del pulviscolo dopo un inverno d’ombre».

Leggi la recensione cliccando qui.

 

Recensione a

Neve, cane, piede

di Claudio Morandini

220
13,00 11,00


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com