Alzare i muri significa restare soli con sé stessi

Left - Marco Truzzi

«Compiere un viaggio sui confini assume così un significato nuovo, lungo due direttrici ideali: dal “quanto” al “quale” e dal “come” al “perché”. Dopo la caduta del Muro di Berlino, l’argomento di discussione politica è spesso stato l’allargamento dei confini europei: Polonia, Romania, Ungheria, “quanta Europa possiamo mettere, quanto possiamo allargarla?”, quanto, quanto ancora? Le molte e varie crisi della contemporaneità ci pongono invece di fronte a un diverso interrogativo: quale (e non quanta) Europa intendiamo essere? L’Europa che accoglie o l’Europa che respinge? […] Lavorare sui confini significa prima di tutto  prima ancora della descrizione della definizione o ridefinizione socio-politica di un territorio  lavorare sulla propria storia».

Recensione a

Sui confini

di Marco Truzzi

220
14,50 12,30


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com