12/11/2018

Anche l’igloo viaggia fra i ghiacci

il manifesto - Simone Pieranni

Mischiare i generi letterari è una necessità quando la sensibilità della scrittura si unisce a temi rilevanti da un punto di vista storico. Antropofiction è il nome affidato al genere percorso da Matteo Meschiari in “Artico Nero, la lunga notte dei popoli dei ghiacci”, una carrellata di storie ispirate dall’immaginazione e da fatti realmente accaduti, ancorati allo sviluppo capitalistico e alla depredazione di territori, culture, lingue e tradizioni. Un libro che trattando temi poco mainstream rileva e segnala anche numerose imprecisioni o bufale o boutade e iperboli sull’argomento (come la storia di quante parole esistono per dire «neve» da parte degli eschimesi), una sorta di odierna costruzione scientifica «dell’altro», un racconto per eccessi che confonde e mischia, occultando alcune verità.  […] Distanze, recapitate da un’immedesimazione lirica che, in alcuni racconti, rappresenta una sorta di poesia orale, immaginata e postuma («Muoiono tutti nel mare, ma lo sciamano mi afferra. Mi tira a riva con sé. Ecco perché sono qui. Per raccontarvi la storia») […]».

Per leggere tutto l’articolo clicca qui.

Recensione a

Artico nero

di Matteo Meschiari

220
6,99


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com