01/02/2018

Blow Up – La donna che pensava di essere triste

Blow Up - Fabio Donalisio

Strana creatura, questo “romanzo” che, per correttezza, ammetto di aver visto nascere e, mi si consenta, con una certa soddisfazione. Nei brevi o brevissimi capitoli (meglio: momenti) si muove la donna che pensava di essere triste, senza saperne, in ultima analisi, il motivo. Nessun nome, nessun luogo. Solo una serie di se stesse che brulicano dentro e fuori la donna, una serie di oggetti, un gatto, un museo. Cose e persone che sono soltanto quello che il loro nome comune porta con sé. Disperati senza affanno, alla ricerca di niente senza cedimenti, popolano un micromondo che definire “metafisico” o “surreale” parrebbe certo riduttivo. La mancanza di riferimenti certi dona invece ai movimenti e alle “cose” che tali movimenti seguono (più che causare) una concretezza sconcertante. Il patto narrativo è così empatico e immediato che la nozione di verità – come forse sempre dovrebbe essere – perde non tanto di importanza ma di vera e propria consistenza. La tristezza, che tanto concede generosamente – non ricambiata – all’uomo, ha trovato una voce di precisione millimetrica. Con buona pace di Inside out.

Recensione a

La donna che pensava di essere triste

di Marita Bartolazzi

220
13,50 11,50


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com