Claudio Morandini, “Neve, cane, piede” – La recensione

di Michele Lauro
Panorama.it / 17 apr 2016

«[…]”Ci sono racconti silenziosi come sassi e racconti che parlano come alberi e piccoli animali”, si legge nella citazione di Giuliano Scabia. Neve, cane, piede s’iscrive fra questi ultimi. Non pare affatto strano, cioè non pare un artificio letterario, che a un certo punto della storia cani corvi camosci e perfino i cadaveri si mettano a dialogare con quell’eroe lunatico ribattezzato Adelmo Farandola. La personificazione della natura fluidifica il racconto in una serie di dialoghi carichi di una scontrosa grazia che risuona fra i silenzi delle pietraie (“Che giorno è – chiede al cane. – E che ne so? È oggi”), mettendo in scena rivalità arcaiche (“Così vanno le cose, io caccio, voi siete cacciati”) e il paradosso della mitezza sulla pelle del cane che si accontenta dell’odore del suo amico uomo (“Vaffanculo, schiavo”, lo apostrofano gli uccelli).

[…]E proprio dalla segreta dialettica tra immanenza e metafisica, ricordo e dimenticanza, claustrofobia e vertigine, libertà e possesso si propaga la poetica immaginazione che tinge questa fiaba del bianco, del rosso e del nero, come ogni storia che si rispetti. Laddove sfumano i contorni tra sogno e realtà, la vita e la morte sembrano attraversate da una zona franca appena sfiorata dai borborigmi del ghiaccio e della neve, quando d’inverno giocano a violare la solitudine delle baite.

[…]Neve, cane, piede propone stimoli molto fisici in un sottobosco fitto di enigmi. Ogni provocazione del matto scorbutico sociopatico e puzzone (“Non c’è da fidarsi della gente che si lava e vive nel pulito”) invia un sussulto esistenziale spesso rumoroso, sfrontato come una massa nevosa che satura ogni fessura. L’antico dilemma della natura madre e matrigna, capace di sradicare i tronchi e sradicare l’io, con la stessa forza indifferente».

Per leggere la recensione clicca qui.

 



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com