Esilarante compagnia della disgrazia

di Raffaella D'Elia
L'indice dei libri del mese / 26 ago 2016

La qualità più evidente è proprio nel mescolarsi di tragedia e commedia, e i momenti più alti risiedono in questo sguardo capace di restare lucido, autenticamente ironico: “Stavamo uno di fronte all’altra sui sedili di marmo, lei si metteva in piedi e non si perdeva una virgola, d’aspetto era la capa malandrina mondiale. Però la vedevo spesso che si raggrinziva tutta, si stringeva, s’alzava sulle zampe e rizzava il pelo, come in preda a un dolore o paura, che io in un grumo di lucidità pensavo è la chiacchiera continua che faccio, invece a un certo punto ho capito che c’erano delle presenze, come dei mulinelli d’aria gelata, vecchi fantasmi giravano in quel chiostro e ora li avevo disturbati nella quiete si vede, se ne andavano a frotte, uno a un certo punto m’è sembrato che mi strattonava addirittura. Parlavo pure a loro, mentre traslocavano”. Sono i fantasmi, a ben vedere, gli attori principali di questa esilarante compagnia della disgrazia, verrebbe da dire.

Per leggere l’articolo clicca qui.



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com