30/12/2020

Il dannato caso del Signor Emme

«Definire “Il dannato caso del Signor Emme” è impresa ardua per non dire impossibile. Romanzo di formazione? Potrebbe, visto che le tre voci narranti sono tutte di adolescenti (includendo anche lo strano oggetto che ha nome Buf) ma non crescono né si formano, anzi le loro caratteristiche si sviluppano e si ampliano fedeli a se stessi e in coerenza con i propri desideri. Romanzo on the road? Potrebbe, visto che con un vecchio scuolabus trasformato in camper, o meglio e più incisivamente in una “casa con le ruote”, attraversa un’Europa in bilico tra un futuro prossimo di disgregazione e frantumazione e un passato in cui la frammentarietà in Stati, Ducati e altre istituzioni è già stata sperimentata. Un romanzo d’avventura? Certamente. Un romanzo di indagine? Anche in questo filone Il dannato caso del signor Emme si inserirebbe senza esaurirsi. E potrei enumerare altri sottogeneri del romanzo rappresentati nel tuo. Ma nessuno riuscirebbe a contenerlo interamente. Come se “Il dannato caso del signor Emme” contenesse tutti i generi, senza mai uniformarsi a nessuno di essi, ma nello stesso tempo sviluppandoli tutti. Romanzo di romanzo? Romanzo all’ennesima potenza? O invece scardinamento di ogni classificazione di romanzo?»

Clicca qui per leggere l’intervista di “Giudittalegge” a Massimo Roscia.

Recensione a

Il dannato caso del Signor Emme

di Massimo Roscia

220
16,50 15,70


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com