04/01/2020

Il figliolo della Terrora

il manifesto - Mauro Trotta

«La lingua oscilla tra l’italiano e il dialetto toscano nelle parti ambientate nella provincia senese, patria della Terrora e della famiglia di Omero. Questa alternanza assieme alla bravura stilistica della scrittrice contribuisce ulteriormente all’originalità del libro. Romanzo che proprio per queste caratteristiche sembra rispondere al titolo della collana in cui è inserito, ovvero “quisiscrivemale”, laddove il riferimento è sia a un tipo di scrittura lontana che a quello stile neutro, senza nerbo e quasi interscambiabile, tipico di certa letteratura di successo “scritta bene”».

Recensione a

Il figliolo della Terrora

di Silvia Cassioli



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com