17/12/2018

Il valore di una scrittura che abbraccia tutti i sensi

Tempoxme - Giuditta Casale

«La vita e la morte che si intrecciano panteisticamente nel cerchio vitale della natura. Il senso olistico dell’umanità, in cui uomini e animali si confondono in un unico moto perpetuo. Il valore di una scrittura che abbraccia tutti i sensi, dolcemente truce, in cui la bellezza e l’orrore si confondono e fondono.

[…] Claudio Morandini scrive un racconto corposo, materiale, in cui il silenzio e i pensieri prendono consistenza materica, in cui le sensazioni diventano reali e tangibili.

Un romanzo introspettivo, in cui il senso del macabro si collega alla migliore tradizione gotica. Adelmo Farandola è un nuovo mostro di Frankestein, che destinato (anche se per suo volere) alla solitudine, ne paga tutte le conseguenze più estreme: dalla durezza delle condizioni di sopravvivenza alla fame, fino a giungere alla perdita della memoria e alla pazzia. Quello che emerge dalla scrittura tersa e nitida di Morandini è un senso pieno della natura, nella miriade disparata dei suoi aspetti, in cui la ferocia e la dolcezza, la brutalità e l’umanità perdono i loro contorni, per mescolarsi in un medesimo orizzonte.

Lontana e colpevole la civiltà, ma questo aspetto è appena accennato nel romanzo nel ronzio dei cavi elettrici a cui si allude come causa remota della pazzia di Adelmo. Anche la Storia, la vicenda tragica della guerra, rimane chiusa nella memoria di Adelmo, non dato oggettivo ma sentimentale e personale. Scelte felici a mio avviso, perché lasciano in sordina gli aspetti prettamente umani, perché  sia la natura con la forza dirompente che le è propria a prendere il sopravvento.

Neve, cane, piede di Claudio Morandini parla alla parte più oscura di noi, in cui l’umano si perde nel naturale, nell’istintivo e nell’intuitivo, in un miscuglio suggestivo e riuscito degli elementi della favola (come gli animali parlanti e comunicativi) e del gotico, che spesso sconfina nell’horror, fino ad anelare alla letteratura eremitica e spiritualistica. Adelmo Farandola è la parte ancestrale e ferina di ognuno di noi, quella che rifiuta gli elementi civili dell’umanità, per collegarsi a quelli più primordiali e primitivi in cui l’uomo ha imparato il conforto di parlarsi da solo e di immaginare le voci delle bestie e delle cose pronte a rispondergli».

Leggi la recensione qui.

 

Recensione a

Neve, cane, piede

di Claudio Morandini

220
13,00 11,00


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com