03/02/2019

La donna che pensava di essere triste

Alfabeta2 - Franca Rovigatti

“Un universo fantasmagorico, altro che tristezza! A pensarci bene, l.d.c.p.d.e.t. quasi mai sembra essere veramente triste: sembra piuttosto che alla tristezza lei ci tenga molto, sembra che voglia coltivarla in se stessa e nel suo mondo. Questo è detto chiaramente fin dalla prima pagina: “Quando pensava di essere triste la donna si rendeva conto di essere più amabile, dolcemente disponibile verso ciò che la circondava, perciò pensava che la tristezza le facesse bene”. E il libro si conclude con il pomposo elogio pronunciato dal monumento inaugurando il museo della tristezza: “la tristezza ci rende migliori, più calmi e riflessivi, meno propensi ad atti irresponsabili” (p. 144).

 

Clicca qui per continuare a leggere…

 

Recensione a

La donna che pensava di essere triste

di Marita Bartolazzi

220
13,50 11,50


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com