21/10/2018

L’angolo del bibliotecario: “Neve, cane, piede”

Valdichianaoggi.it - Andrea Vignini

«[…] uno stile elegante ed essenziale, nel quale si scorge la fatica di asciugare, rimuovere ed eliminare ciò che è inutile e ridondante e che, contro ogni aspettativa, raggiunge esiti divertenti, anzi talvolta addirittura comici, specialmente nel rapporto tra il vecchio scorbutico e pazzoide e il cane malandato che gli fa da spalla.

Sul piano del significato infine mi sembra di potere affermare che il testo si muove all’interno di un doppio binomio volutamente contraddittorio. Da una parte quello fisico e classicheggiante, rappresentato dalla forza e indifferenza di una Natura che tutto domina e dalla debolezza eroica dell’uomo che tenta invano di resisterle. Dall’altra quello tipico del nostro vivere (e pensare) contemporaneo in cui il principio di realtà si fa sempre più incerto e viene mano a mano fagocitato dal sogno febbricitante di un’umanità dolente e solitaria che non sa più attribuire un senso compiuto alla propria esistenza».

Leggi la recensione qui.

 

Recensione a

Neve, cane, piede

di Claudio Morandini

220
13,00 11,00


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com