L’antropologo diventa un po’ poeta per penetrare tra i popoli dei ghiacci

di Demetrio Paolin
La Lettura - Corriere della Sera / 12 mar 2017

«[…] una sorta di itinerario, dal Canada alla Norvegia alla Groenlandia, per dare contro di un fenomeno sconosciuto che potremmo definire il colonialismo dei ghiacci. A creare ancora più interesse, oltre alla descrizione di questo vero e proprio buco nero, che ha inghiottito intere civiltà, è la lunga con cui il libro è scritto […], lentamente la scrittura da scientifica si fa via via più suggestiva, così alla prosa si affiancano squarci di descrizioni liriche, flussi di coscienza, lasse di poesia.»

 



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com