L’Era del Phd

Almanacco della Scienza / 14 mag 2014

Nel 2013 il dottorato di ricerca in Italia ha compiuto 30 anni. Nicola Vittorio e Giampaolo Cerri, ne ripercorrono le tappe più significative in “30 anni di dottorato di ricerca. L’ora del 2+3”, fotografando lo stato dell’arte nel momento in cui l’Europa si sta muovendo verso la piena realizzazione dell’European Research Area (Era). […]

Il dottorato di ricerca […] è tra le sfide prioritarie dell’agenda comunitaria economica e dell’innovazione. Ma quale tipo di dottorato è necessario? E in quale direzione dovrebbe muoversi il nostro Paese?

La risposta auspicata nell’opera è che si converga verso un dottorato unico e, nell’opinione degli autori, sono quattro gli elementi chiave per rafforzare questo processo: qualità, trasparenza, occupabilità e mobilità. In tal senso, Vittorio e Cerri sottolineano le seppur timide iniziative nate in Italia degli Executive PhD, che consentono di inserire il dottore di ricerca all’interno dei sistemi produttivi e di disseminare capitale umano di alto valore in contesti esterni all’ambiente accademico.

Si tratta di esperienze molto più sviluppate all’estero e che, seppure accompagnate da numerose critiche in ambito accademico, sono tuttavia strumenti efficaci.

 

Altre recensioni per "30 anni di dottorato di ricerca":

universitas.it - 30 anni di dottorato. L’ora del 2+3 tuttoscuola.com - Dottorato di ricerca: dal 3+2 (+3) al 3+(2+3) Avvenire - Dottorato: più innovazione con il tre più due


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com