L’eredità delle sacerdotesse

di Alessandra Pigliaru
ilmanifesto.info / 15 ago 2014

[…] In que­sti ultimi anni gli appro­fon­di­menti sul matriar­cato illu­mi­nano le defi­ni­tive sco­perte sulle divi­nità fem­mi­nili della archeo­lo­gia e lin­gui­sta Marija Gim­bu­tas […]. A parte i primi studi di Johann Jakob Bacho­fen e di Lewis Henry Mor­gan, baste­rebbe leg­gere i recenti volumi di Heide Göttner-Abendroth per com­pren­dere come gli studi matriar­cali pos­sano essere con­dotti su basi scien­ti­fi­che e inter­di­sci­pli­nari. Come spiega la filo­sofa tede­sca, Matriar­ché è ori­gine e non domi­nio delle madri.

Que­sto prin­ci­pio nella sua chia­rezza – che dà anche il titolo a un bel libro col­let­ta­neo curato da Fran­ce­sca Colom­bini e Monica di Ber­nardo (Exòrma edi­zioni, 2013) – non è un mero momento di pas­sag­gio ma una forma di società che può inter­ro­garci ancora. Non solo per­ché esi­stono ancora comu­nità fon­date sul prin­ci­pio del matriar­cato – per esem­pio i Moso che vivono al con­fine con il Tibet, nelle pro­vince cinesi dello Yun­nan e del Sichuan — ma per­ché il matriar­ché pre­vede forme di eco­no­mia del dono, della con­du­zione paci­fica della con­vi­venza in nome delle dif­fe­renze con­tra­rie alla pre­va­ri­ca­zione. Sia nei con­fronti dell’altro, sia nei con­fronti della terra in cui si vive. […]

 



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com