Magliani, scrittore sul margine

Avvenire - Alessandro Zaccuri

«Scrittori come Marino Magliani costituiscono un genere letterario a sé stante: ogni loro pagina – in prosa in versi, d’invenzione o traduzione che sia – finisce per confluire in un’opera  tanto organica nell’insieme  quanto difficile da definire. Nella fattispecie, è lo stesso Magliani a fornire una possibile  categoria riassuntiva, quella della “regale marginalità” che […] viene argomentata nel dettaglio in un passaggio cruciale di L’esilio dei moscerini danzanti giapponesi, […] libro che d’ora in poi è destinato a costituire il baricentro di un sistema di testi composto da romanzi in senso proprio […], resoconti autobiografici […], un corpus ormai ragguardevole di versioni dalla letteratura ispano-americana (il titolo più recente è Sudeste del desaparecido argentino Haroldo Conti, appena uscito da Exòrma) […]».

Recensione a

L’esilio dei moscerini danzanti giapponesi

di Marino Magliani

220
14,50 12,30


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com