Mappe bianche, mimi, teatri notturni, dimenticàti e altro: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo

di Antonio Devicienti
Via Lepsius / 20 apr 2017

«De Vivo scrive pagine formidabili e impietose [...] che mettono alla berlina, sbeffeggiano e condannano comportamenti e meccanismi del mondo culturale – ma il mondo della cultura è parte e riflesso di un sistema politico-sociale [...] nemico della felicità stessa, cioè di quel ritmo danzante e cantante che, secondo l’io narrante, costituisce il vero tessuto dell’esistere».

Per leggere tutto l’articolo clicca qui.

 

Altre recensioni per "Poche parole che non ricordo più":

Il Mattino - «Poche parole…», romanzo in forma di ritratti di De Vivo Il cittadino di Monza e Brianza - È precisa come un respiro, la sinistra: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com