Come una matrioska – “Poche parole che non ricordo più”

di Chiara Gulino
Flanerí / 16 Ott 2017

“La tecnica compositiva di De Vivo implica l’aprirsi di ogni immagine sulla successiva, come una matrioska, a creare una discesa epifanica. Allo stesso modo il paesaggio è trasfigurato e traforato di pertugi, che sono emorragie di senso ma anche convocazioni di ombre. Ma le ombre a volte fanno scherzi beffardi. Uno ci inciampa.”

Per leggere tutto l’articolo clicca qui.

Altre recensioni per "Poche parole che non ricordo più":

Librobreve - Sui sogni, la divinazione e “Poche parole che non ricordo più” Robinson di la Repubblica - “Poche parole che non ricordo più” , Enrico De Vivo Corriere del Trentino - Poche, smemorate, parole Arcadia, ecco De Vivo Giuditta legge - Giuditta Legge: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo L'Indice dei libri del mese - In quell’aria che era anche acqua: “Poche parole che non ricordo più” Iuncturae - Che cosa avviene alle pendici del Vesuvio – “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo Non riesco a saziarmi di libri - “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo Left - Una bella utopia in poche parole Nazione Indiana - Le assenze di Enrico De Vivo Via Lepsius - Mappe bianche, mimi, teatri notturni, dimenticàti e altro: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo Il Mattino - «Poche parole…», romanzo in forma di ritratti di De Vivo Il cittadino di Monza e Brianza - È precisa come un respiro, la sinistra: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com