24/09/2018

Mosca on the rocks

Alfabeta2 - Tommaso Ottonieri

«[…] La città, nella specie, è Mosca, spazio iperdeterminato (letterariamente, non solo), nella concentrica ampiezza delle cui arterie glaciali scorre invisibile, a sbilanciare ulteriormente il sistema percettivo, un’onda densa alcolèmica mista alla palpabile lievitazione di smog ad alta gradazione. Chi ne ricompone a cerchi concentrici le mappe, a cercare di strada in strada un orientamento dai motivi (non solo) letterari e i «personaggi involontari» frequentati (Puškin… Čechov… Majakovskij… Bulgakov… ‘Vrubel… Ejzenstejn… Gagarin… ecc., e soprattutto il viaggiatore alcoolicamente alterato del cultuale Mosca-Petuški di Venedikt Erofeev) […], è sparajurij (sigla «sovietica» ma tratta dal punk dei CCCP); identità multipla e aperta (il collettivo torinese «nasce alla fine del secolo scorso», ci ricorda la bandella, e attualmente anima «Atti impuri», sicuramente fra le migliori riviste letterarie oggi in circolazione) […]».

Per leggere tutta la recensione clicca qui.

Recensione a

Viaggiatori nel freddo

di sparajurij

220
6,99


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com