06/02/2019

Né in cielo né in terra

Letture sconclusionate - Simona Scravaglieri

“Siamo a Roma e a Trastevere. Ci è stato detto che questa storia può apparire un po’ strana perché è frutto di un lungo sogno; quindi, quando si apre davanti la scena, ci sono due tizi che si incontrano e che hanno la sensazione di conoscersi già. Uno chiama l’altro Cesare e l’altro gli risponde chiamandolo Augusto. Questi nomi non sembrano riconoscerli ma solo accettarli per educazione. Vivono in un quartiere affollato, dove il mondo affaccendato corre qui e lì, ma loro invece trovano il tempo di salutarsi, farsi i complimenti, parlando della loro vita. È così che, parlando, arrivano a casa di Augusto e che , quest’ultimo, dice a Cesare che vuole scrivere un libro. Mi piacerebbe dirvi che è da qui che inizia la storia ma, in effetti, la storia inizia quando finisci il libro”.

Clicca qui per continuare a leggere…

Recensione a

Né in cielo né in terra

di Paolo Morelli

220
7,49


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com