Neve, cane, piede

di Maria Caterina Prezioso
Satisfiction / 14 dic 2015

«[…] Tu che, se fossi cresciuto in una grande città, saresti un barbone ammassato al ridosso della entrata di una metro, ti ritroviamo qui ad alta quota a sopravvivere al lungo inverno. Tu, Adelmo Farandola sei il monito che Morandini ci lancia come una fune sgradevole da afferrare, ma indispensabile per sopravvivere. Questo piccolo romanzo e il suo personaggio disegnano una allegoria della condizione umana, ma una condizione umana particolare di coloro che non sopravvivendo a se stessi si ritirano dalla vita, dalla comunità per assistere all’inesorabile […]».

Clicca qui per leggere tutta la recensione.



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com