Neve, cane, piede – Claudio Morandini

Zest - Letteratura Sostenibile - Paolo Risi

I racconti di territori affacciati sul mistero, dirupi e fantasmi nella notte, ispirano “Neve, cane, piede”, dove delirio, ironia e fisicità purissima intrecciano i loro linguaggi.
Claudio Morandini immagina un paesaggio aspro, un canalone dimenticato dove appena si percepisce il rumore della montagna addomesticata. Il principe di quelle pietre, di una natura poderosa e infida, è un vecchio cencioso, ritratto sbalorditivo di una categoria umana marginale, sgradevole, eppure resistente e vitale. Quanto più espone e sottolinea la sua difformità, il disprezzo per le consuetudini, tanto più Adelmo appare completo, credibile all’interno di un microcosmo scosceso e selettivo.

Per leggere l’articolo clicca qui.

Recensione a

Neve, cane, piede

di Claudio Morandini

220
13,00 11,00


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com