“Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo

di Diana D'Ambrosio
Non riesco a saziarmi di libri / 10 mag 2017

«Protagonista assoluta del romanzo è la parola, inserita in frasi pure, lineari e finemente stratificate. I richiami alla letteratura classica, alla mitologia e all’epos della Campania felix rendono infatti questo libro un romanzo – mondo dove ogni cosa è qualcosa che è stato, un segno legato a ciò che conosciamo e un significato che può essere spiegato solo alla luce di un passato letterario che, anche se inconsciamente, abbiamo interiorizzato».

Per leggere tutto l’articolo clicca qui.

 

Altre recensioni per "Poche parole che non ricordo più":

Left - Una bella utopia in poche parole Nazione Indiana - Le assenze di Enrico De Vivo Via Lepsius - Mappe bianche, mimi, teatri notturni, dimenticàti e altro: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo Il Mattino - «Poche parole…», romanzo in forma di ritratti di De Vivo Il cittadino di Monza e Brianza - È precisa come un respiro, la sinistra: “Poche parole che non ricordo più” di Enrico De Vivo


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com