Quasi un remake in chiave Capitale

di Filippo La Porta
Il Messaggero / 18 lug 2016

I modelli letterari potrebbero essere Celati e Calvino: lo sguardo svagato di un flâneur e la trasformazione di ogni esperienza in gag stralunata. Lo stile, giocoso e aforistico, fa pensare poi alle Operette Morali riviste da un Buster Keaton taoista!.

[…]
Il libro è anche meditazione sullo stoicismo universale da sempre professato nella città eterna. Perché «l’uomo romanesco sopravvive, come residuo, forse indistruttibile, dell’anima di Roma», e anzi gli attuali romaneschi non sono altro che gli eredi di una fazione perdente dell’antica Roma: si tirano in disparte, «per scelta o fallimento o persecuzione».



© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com