Sudeste

di Giacomo Sartori
Nazione Indiana / 10 Apr 2018

Nazione Indiana ha pubblicato un estratto di Sudeste

«Il vecchio morì proprio all’inizio dell’estate. Come se avesse continuato a ritardare il momento, per aspettare quel periodo e non un altro. E così successero tante cose, in qualche modo notevoli e definitive, anche se passarono inosservate […] Il fiume cambia. A volte è amaro, ma altre volte sembra fatto a misura d’uomo.
L’inizio dell’estate venne a coincidere con la gran secca di dicembre, che durò cinque giorni. Si videro calare le acque e il fiume svuotarsi interminabilmente. Di notte il livello risaliva un po’, ma nel giro di poche ore le acque tornavano a scorrere verso il fiume aperto, sempre più spesse, perché si portavano via il fango del fondo».

Per leggere tutto l’articolo clicca qui.

Altre recensioni per "Sudeste":

'O Magazine - Il battello desaparecido Avvenire - Magliani, scrittore sul margine Sul Romanzo - Il racconto di un uomo e del suo fiume. “Sudeste” di Haroldo Conti Left - Desaparecidos, la voce viva di Haroldo Conti Merlin Cocai - Una breve recensione Qui comincia - Radio 3 - Haroldo Conti, Sudeste La poesia e lo spirito - Sudeste, di Haroldo Conti Robinson - la Repubblica - La vita è sogno il manifesto - La vita mutante alla foce del Paranà


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com