13/04/2017

Sui confini | Marco Truzzi

«Nella memoria di chi ha allungato i propri passi sulle linee di confine, con nelle mani una macchina fotografica o un taccuino da riempire, rimane impressa soprattutto una presenza costante, quella del filo spinato, “voce narrante delle frontiere” che talvolta giace arrugginito e mescolato alla vegetazione, altre volte svetta luminoso e prepotente “nel luccichio di una recente installazione”. Oggetto reale, metallico, in grado di certificare una separazione, ma anche elemento per certi versi rimovibile, che non è in grado di perpetuare, in assoluto, indirizzi politici e filosofici. E questo dato di fatto viene bene espresso da Marco Truzzi, che nell’ultima pagina del suo saggio-reportage scrive: “Forse il filo spinato che abbiamo visto in giro continuerà a scrivere ancora altri capitoli della nostra storia. Ma è altrettanto vero che, prima o poi, dei ragazzi balleranno nuovamente sulle rovine di un muro caduto”».

Per leggere tutto l’articolo clicca qui.

 

Recensione a

Sui confini

di Marco Truzzi

220
14,50 12,30


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com