Invisibile

Un viaggio nel silenzio fatto con le parole di una grande scrittrice che usa la spontaneità per ottenere l’eleganza, quel silenzio dell’anima che perfino al giorno d’oggi conserva intatto il suo mistero.

4,9910,20
Il libro in breve

Viviana è uno di quegli esseri umani che si portano sulle spalle la pena per i mali propri e per quelli altrui.

Erede di uomini provenienti dalle steppe asiatiche, Viviana riesce a guarire con l’imposizione delle mani anche le malattie più gravi. Non solo facoltà particolari che sembrano venire dal remoto, ma doni di elezione a cui si è predestinati, tale è la responsabilità del suo ruolo nel mondo e anche causa del suo destino di solitudine.

Una scrittrice laica la conosce e subito non può più credere soltanto a ciò che vede, sente «come si stesse dissolvendo la rassicurante consueta misura delle cose». Con una discrezione commossa ne segue le vicende e ne racconta la storia, la sua natura altra, traccia mappe avventurose oltre la realtà sensibile.

Le due donne si confrontano sui grandi temi comuni del dolore e del destino, attraverso le parole dell’una che nella narrazione appaiono risonanze dell’energia immateriale dell’altra.

Anteprima

Se scendessi i due gradini della pedana avrei sotto le suole la terra battuta, scura per l’umidità della notte, macchiata da zolle di muschio che so colorate di un verde cupo e spento ma nell’oscurità sono diventate nere. Su tutto scivolano veloci le ombre pallide della Luna: attraverso gli interstizi fra rami e foglie la luce bianca stampa mutevoli e mobili segni privi di consistenza, e questo mi inquieta. Sono frammenti senza corpo, eppure visibili, di cui temo il significato.

* * *

Nonna Italia macina un po’ di riso e lo cuoce nell’acqua. Quando è diventato una crema prova ad avvicinare il cucchiaino alla bocca della bambina che vuota tutta la tazza.

La mattina seguente torna l’ostetrica. Si guarda intorno e chiede: «L’avete sepolta voi che non la vedo più?».

«Invece io stavo nella culla – conclude Viviana – con le belle fasce e la cuffietta ricamata. Ero già bionda e grassa».

Ti potrebbe interessare…

Le pietre

Iride Zanardò e don Danilo, Nonno Ramaglia, Giacometti col Tarella e il Cappon sono solo alcune delle voci di un romanzo corale, nel quale si intrecciano i racconti di un’intera comunità; ed è una polifonia divertita e irrequieta quella che, come durante una lunga serata ...

7,4912,30

Sudeste

Pubblicato per la prima volta in Italia (con la splendida traduzione di Marino Magliani), Sudeste è considerato uno dei romanzi più singolari della narrativa argentina contemporanea (premio Fabril).

Sudeste è il vento che scuote la foce del fiume Paraná e la direzione da cui soffia quel vento ...

14,90 12,60

La donna che pensava di essere triste

Un libro che è in realtà un accesso a un mondo “diversamente credibile”, come sempre ha fatto la letteratura: uno dei tanti mondi che affiancano le nostre giornate affannate e distratte. Un racconto-labirinto scritto in una lingua all’apparenza pacata, talvolta teneramente comica e malinconica, un’indagine ...

6,9911,50