16/12/2018

In un libro il viaggio on the road di Merlini e Silvestri

Paolo Merlini e Maurizio Silvestri: quattro mani per dare vita a un unico e straordinario libro che racconta l’Abruzzo come, probabilmente, non l’avete mai visto. Nessun viaggio organizzato, solo voglia di partire. All’avventura, slow, on the road. In un’intervista doppia i due autori ci raccontano come è nato ”Dove comincia l’Abruzzo”.

Un libro scritto a quattro mani: uno esperto di trasporto pubblico e l’altro di enogastronomia. Come nasce la voglia di scrivere insieme? E quali sono le difficoltà nello scrivere un libro a quattro mani?
Paolo Merlini: Siamo amici da tutta la vita e forse la “voglia di scrivere insieme” è figlia della gioia che proviamo nel viaggiare insieme. Viaggiamo insieme dai tempi del liceo e da sempre “nell’economia della coppia” abbiamo ruoli bene definiti: io sono quello razionale, organizzatore minuzioso, puntuale e preciso, il Mau è l’estro, la fantasia, la follia… in una parola il Genio! Però, inspiegabilmente i ruoli si invertono quando scriviamo perchè lui ha uno stile più giornalistico, rigoroso e misurato, io sono barocco, ombelicale, diaristico e spesso marcatamente onirico.
Maurizio Silvestri: Non c’è alcuna difficoltà perché ognuno scrive per sé e alla fine, come in un uvaggio perfetto, si assemblano le uve delle due vigne e viene fuori un vino espressione di entrambi. Il viaggio è sempre individuale, così anche la scrittura e il fatto che siamo esperti in due ambiti differenti arricchisce la narrazione. Inoltre viaggi e vini si sposano benissimo. Siamo compagni di banco al liceo, viaggiamo insieme da una vita, in viaggio passiamo insieme 24 ore al giorno, però siamo molto diversi, anzi quasi antitetici e ognuno di noi “sente” e guarda e quindi scrive cose molto diverse.
[…]

Qual è l’obiettivo che sperate di ottenere con la pubblicazione di questo libro? Quale reazione vi aspettate dai lettori?
Paolo Merlini: L’obiettivo è quello di far scoprire questa regione magnifica che “gli italiani moderni spesso conoscono meno degli antichi romani”, per rubare le parole ad Anne Mcdonnell che un secolo fa viaggiò in Abruzzo regalandoci un lungo e interessante resoconto. Altro importantissimo obiettivo è quello di raccogliere fondi per l’associazione Bibliobus di l’Aquila alla quale sono devoluti i diritti del libro. Fatte queste premesse, ci aspettiamo di vendere tante copie e di essere emulati da un’infinità di viaggiatori lenti in Abruzzo.
Maurizio Silvestri: La cosa più importante è che abbiamo deciso di devolvere tutti i nostri diritti d’autore a Bibliobus, una benemerita associazione aquilana che dopo il terremoto ha svolto la funzione di biblioteca ambulante a bordo di una corriera. È la quadratura del cerchio.

 

Recensione a

Dove comincia l’Abruzzo

di Paolo Merlini e Maurizio Silvestri

220
14,90 12,66


© 2013 omgrafica s.r.l. - Via Fabrizio Luscino, 73 - 00174 Roma - P.IVA/Cod.Fisc. 09551781009 Telefono 06 76962014 - Fax 06 76900592 - email: info[at]exormaedizioni.com